Stages di Musica 2016

Maurizio Berselli – Organetto

Maurizio Berselli
Maurizio Berselli

Ha iniziato a suonare l’0rganetto nel 1979 dopo un lavoro di ricerca sulle antiche musiche da ballo dell’appennino modenese, bolognese e reggiano che sono entrate a far parte del suo repertorio principale – suona anche musiche di diversa provenienza italiana ed europea sempre legate al ballo dal 1990 tiene corsi regolari annuali sullo strumento presso la Polisportiva Masi di Casalecchio nel 1983 ha fondato il gruppo Suonabanda di Modena con il quale, negli anni, ha contribuito a mantenere vivi e a divulgare le musiche e i balli del’appennino emiliano.

Ogni stage avrà come numero massimo 15 partecipanti: Compila il form per l’iscrizione

Denys Stetsenko – Ensemble Folk

Il corpo che suona e il corpo che balla: la comunicazione tra i musicisti e i ballerini. Far crescere l’orecchio: il modo migliore per imparare e memorizzare. Strumenti di arrangiamento e possibili forme nel linguaggio folk. Possibilità per armonizzare e ornamentare la danza. Guidare vs seguire. Ascoltare, avere idee e contribuire.

13084106_10153505676601408_1652439167_n
Denys Stetsenko

Denys Stetsenko, nativo dell’Ucraina, studia musica classica dalla più tenera età e dal 2003 si introduce nel mondo della musica tradizionale e improvvisata con il gruppo Monte Lunai e Dancing Strings, partecipando a vari festival europei di musica e danze del mondo. Laureato in Violino presso la Scuola di Musica di Lisbona, ha frequentato il Master in Musica Antica-violino barocco presso la Scuola Superiore di Musica e di Arti dello Spettacolo (Esmae) di Porto. È un membro fondatore del Quartetto Arabesque Duo Stetsenko, di Favola d’Argo e dei Parapente700. Nel corso degli anni 2011-2014 è stato professore alla Esmae a Porto, assistente di Amandine Beyer. E’ docente di violino e musica da camera presso l’Accademia di Musica e Conservatorio di Santa Cecilia di Lisbona. Come docente, ha tenuto corsi di musica tradizionale strumentale a: Baltoques (Tradballs, Lisbona), Conservatorio di Cordoba (2011, 2014), Crisol de Cuerda nel 2013 (Burgos) e diversi a Madrid; così come in vari festival come Andancas (Portogallo), Folkarria (Spagna) e Festiv’Alzen (Francia). È stato uno dei giudici di Ethno Portogallo nel 2015.

Ogni stage avrà come numero massimo 15 partecipanti: Compila il form per l’iscrizione

Claudio Vezzali – Violino Emiliano

Claudio Vezzali
Claudio Vezzali

L’interesse di Claudio Vezzali per la musica di tradizione popolare lo ha spinto in giro per l’Appennino alla ricerca dei vecchi balli staccati, in uso prima dell’avvento del liscio; è stato grazie all’incontro con Melchiade Benni che la sua passione si è concentrata sul violino; il repertorio da lui appreso direttamente dai ballerini e dai suonatori conosciuti è stato poi riproposto in concerti e stages assieme all’Orchestra Buonanotte Suonatori.

Attualmente suona i balli saltati della tradizione emiliana col gruppo Suonabanda e musica scozzese col TriCorde trio; di recente ha iniziato a collaborare coi Musicanti d’la Basa, sul repertorio di liscio antico.

Livello: rivolto a principianti, con almeno una tecnica di base dello strumento, interessati al repertorio ed allo stile di esecuzione dei balli staccati della tradizione popolare emiliana.

Ogni stage avrà come numero massimo 15 partecipanti: Compila il form per l’iscrizione

Ivan Halen – Circle Songs

Ideate dal cantante Bobby Mc Ferrin, le “Circle Songs” rappresentano una forma di improvvisazione corale: in un processo di libera improvvisazione un direttore, attraverso specifici moduli ritmico vocali, crea delle parti, assegnate gradualmente a dei coristi disposti a cerchio. Dal loro incastro nasce lo sviluppo armonico che crea una vera e propria “canzone”. L’esperienza delle “Circle Songs” non è solo artistica bensì didattica e antropologica poiché, trascendendo da “schemi comuni”, riesce a farci lavorare sull’orecchio, sulla memoria, sul ritmo, sul corpo, sul respiro e sulla voce.

Ivan Halen

Ivan 2
Ivan Halen

Ivan nasce come cantante agli inizi degli anni 2000. In questi anni riceve una formazione lirica e moderna presso vari insegnanti e si avvicina alle culture popolari e tradizionali etniche e orientali. Sperimenta sulla propria voce imparando canto armonico, diplofonie e la multifonia, sempre alla ricerca di nuovi suoni e stili. Appassionato studioso di antropologia vocale, si avvicina alle circle songs con Albert Hera e poi ne ricava un metodo personale con cui tiene laboratori a Bologna e in Europa.

Ogni stage avrà come numero massimo 15 partecipanti: Compila il form per l’iscrizione