Stage di Danza

 

Stage di Pizzica Salentina

Analisi di:

  • PASSI BASE
  • DINAMICHE DI COPPIA (donna/uomo, donna/donna, uomo/uomo)
  • INTENZIONI DELLA DANZA: dal corteggiamento allo sdegno, dall’intesa alla sfida, dalla complicità all’ostilità.
  • STILE DELL’ALTO SALENTO

A conclusione della lezione è previsto, inoltre, un lavoro sulla danza spontanea: acquisite le basi i partecipanti saranno invitati a danzare liberamente, aprendosi alla rielaborazione dei passi e all’improvvisazione, sulla base di musiche tradizionali e di nuova rielaborazione, alla ricerca di nuove forme più consone alla realtà che oggi viviamo; si ricercheranno, quindi, movimenti più liberi e forse anche più spudorati o energici, ma sicuramente sempre nel rispetto delle dinamiche originarie.

Cecilia Casiello

cecilia
Cecilia Casiello

Cecilia Casiello si forma nelle feste di paese e nelle Ronde popolari inserendosi in numerosi ambienti di danza e musica popolare del Sud Italia. Fonda e dirige Progetto Satyria: gruppo di ricerca sulla musica popolare, la danza, l’azione scenica e le arti circensi. Dal 2000 approfondisce anche gli studi sulle danze etniche frequentando numerosi seminari e corsi.
Effettua seminari e spettacoli e partecipa a numerosi Festival in Italia e all’estero. Ha collaborato come danzatrice con vari gruppi affermati quali Taranta Power di Eugenio Bennato, Arakne Mediterranea, Aramirè, Ariacorte, Malumbra, Officina Zoè, Cauliae, Arangara.

Stage di Danze Bretoni e percezione del corpo

DANZE BRETONI A

Area dell’Aven: mod Kemperle, mod an Aven, mod Fouesnant, mod Bannaleg, balli e danze gioco.

DANZE BRETONI B

Area Glazig: mod Kemper, mod Landudal;
Area Bigoudenn: mod Pont’n Abad, mod Pouldreuzig, mod Penmarc’h, balli e danze gioco.

IL BALLO E LA PERCEZIONE DEL CORPO

Vincent proverà a farci scoprire il nostro corpo e il suo funzionamento lavorando su spirali, vettori e rotazioni, movimenti già presenti dentro di noi che aspettano solo di essere espressi e di farci divertire! Impareremo a muoverci più liberamente, a sviluppare la nostra motricità e a ridurre i rischi di farci male durante la danza.

Vincent Michaud

Vincent Michaud
Vincent Michaud

Vincent Michaud è un ballerino Bretone-Scozzese che ha studiato balletto classico con Francine Lancelot per diversi progetti barocchi e allo stesso tempo si è dedicato anche alle danze folk. Ha sempre cercato di collegare il mondo del folk con le danze storiche e contemporanee creando una commistione di stili in grado di combinare tradizione e libertà di espressione individuale.

 

Stage di Danze Portoghesi

Dal Repasseado al Fado de Espinho, dal Pingacho a Erva Cidreira. Questo workshop ci mostrerà l’energia, la diversità e la gioia presente nelle danze tradizionali portoghesi, con particolare attenzione al repertorio interpretato dai Parapente 700 in modo da potersi godere al meglio il loro concerto!

Eva Parmenter

13081742_10153492859411408_1751727283_n
Eva Paramenter

E’ dalla tenera età che Eva Parmenter è appassionata di danza e musica. Con la partecipazione alla prima edizione di “Andacas Festival”, nel 1996, la musica europea e le danze popolari hanno cominciato a dare ritmo al suo persorso di vita, diventando come una “seconda casa”.
Nel 2007 inizia la sua attività di insegnante di danze tradizionali all’Aveirense Theatre e presso l’Ateneo di Coimbra.
Successivamente tiene numerosi laboratori in varie parti del paese così come in Belgio, Francia, Olanda, Spagna e Italia.
Il suo percorso formativo resta in continuo aggiornamento poiché Eva partecipa ogni anno a stage presso diversi insegnanti, principalmente in Francia. Attualmente ha una laurea in danza da FMH e sviluppa l’attività professionale di musicista e insegnante.

 

Stage di Ballo liscio antico

“Filuzzi” è il termine con cui, nel territorio di Bologna e provincia, si indica il particolare modo di suonare e ballare il “liscio” (balli di origine centro-europea quali valzer, mazurka e polka) in cui ancora oggi si ritrovano alcuni passi e figure derivanti dai balli antichi contadini (i “bâl spécc”). Una caratteristica, questa, che molti altri lisci italiani, alcuni dei quali sono, peraltro, standardizzazioni o creazioni delle scuole di ballo, non hanno.

Giancarlo Stagni

foto
Giancarlo Stagni

Il laboratorio di ballo verrà tenuto dal maestro Giancarlo Stagni, allievo dello storico ballerino filuzziano Nino Masi, “maestri” a cui è stata tramandata l’arte non in una scuola di ballo ma nelle cantine, nelle rimesse, nelle stalle, da chi sapeva ballare, senza alcun ausilio tecnico se non, a volte, un vecchio grammofono. Prezioso durante il laboratorio di ballo sarà anche l’intervento di Carlo Pelagalli, allievo di Stagni nonché esperto di storia della Filuzzi.

Hatha Yoga

g6
Nataraja

Il Dio Shiva , in una delle sue rappresentazioni, è Nataraja, signore della danza che schiaccia sotto di se “l’ignoranza”. E’ però anche lo yogi perfetto, eternamente immerso nella beatitudine e nel samadhi.

L’hatha yoga parte dall’aspetto più “basso”, cioè la percezione assoluta del corpo fisico/grossolano, aspetto fondamentale nella danza, per poi condurre al raggiungimento degli stadi di supercoscienza.

Salvo Angelico

Salvo
Salvo Angelico

Salvo Angelico si avvicina allo yoga giovanissimo e inizia il suo percorso come allievo della rinomata “Accademia yoga” a Roma. Contemporaneamente all’approfondimento dell’hatha yoga studia yoga tantrico e shivaismo del kashmir. Dopo anni di pratica intensa si diploma insegnante in India presso l’ashram “yoga vidya gurukulam” di Swami Ananda Saraswati.